Com’è morto Bon Scott

Bon Scott muore a Londra nella notte fra il 18 ed il 19 febbraio 1980, a 33 anni, dopo una serata trascorsa a bere in un locale-pub di Camden Town allora chiamato “Music Machine” assieme ad un amico, Alistair Kinnear. Nel pomeriggio del 19 febbraio lo stesso Kinnear trova con orrore il corpo di Bon all’interno della propria auto (una Renault 5), parcheggiata davanti al 67 di Overhill Road in East Dulwich, proprio là dove 15 ore prima ha lasciato Scott, crollato improvvisamente in un sonno profondo sulla via del ritorno dal pub. Inutile la disperata corsa al King’s College Hospital. Si é ipotizzato che Bon sia morto per soffocamento da vomito, tuttavia nel referto autoptico il decesso è attribuito ad un’accidentale “intossicazione acuta da alcool”.

Dopo la sua morte, il cantante metà inglese e metà italiano Brian Johnson (la madre – Ester De Luca – era di Frascati), già componente del gruppo glam rock di Newcastle Geordie, prese il suo posto e gli AC/DC registrarono l’album Back in Black, che divenne il loro disco di maggior successo ed il secondo album più venduto di tutti i tempi, con oltre 50 milioni di copie vendute in tutto il mondo.

Le ceneri di Scott sono sepolte nel piccolo cimitero di Fremantle, in Australia.

Leave a Reply